LibriDiPinti: la libreria fiorentina in giardino

La campagna di crowdfunding è stata sostenuta dalla Fondazione Il Cuore si Scioglie Onlus. E si è svolta a maggio/giugno. Dopo pochi mesi è stata inaugurata nel giardino pubblico Elio Chianesi, in via Borgo Pinti 76, Firenze la biblioteca “LibriDiPinti”. La biblioteca infatti è stata realizzata e verrà gestita dai ragazzi e dalle ragazze con disabilità della Cooperativa sociale Gaetano Barberi mediante i laboratori dei propri Centri Diurni, il Caleidoscopio e il Cannocchiale.

La biblioteca LibriDiPinti consiste in 8 casette di legno. Si tratta di vere e proprie librerie da giardino che contengono diversi generi letterari, rivolgendosi ad un’ampia platea di lettori. Ci sono fiabe per bambini 0-5 anni; narrativa per ragazzi 6-10 anni; testi su Firenze, l’arte e la cultura; romanzi e narrativa in inglese; poesia e teatro; fumetti; gialli; audio libri; libri in Braille per le persone con disabilità visiva e libri in Lingua dei Segni – L.I.S per la comunità sorda. 

Le librerie da giardino sono dotate di targhette in Braille grazie alla collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi – U.I.C. E anche di un percorso a filo per facilitare le persone con disabilità visiva a raggiungere la libreria contenete audiolibri e libri in Braille e L.I.S. È in corso di elaborazione una mappa in brille da sistemare all’ingresso del giardino, relativa alla pianta del giardino e la disposizione delle casette al suo interno.

LibriDiPinti: a chi è rivolto e come funziona

Il Progetto è rivolto al potenziamento delle abilità dei ragazzi e delle ragazze, che sono stati coinvolti nella realizzazione dei laboratori manuali. Per l’assemblaggio, la decorazione e la manutenzione delle casette. Inoltre, potranno acquisire competenze in ambito bibliotecario, mediante laboratori tematici ad esempio per la catalogazione dei libri.

Ulteriore proposito è la valorizzazione degli spazi urbani pubblici a favore della collettività e avvicinare la popolazione del Quartiere, della città intera, per cementare l’inclusione sociale.- Questa è alla base di un presente e di un futuro che dia un senso reale alla nostra vita personale e sociale.

In questo spazio ognuno potrà scegliere liberamente in quale angolo del giardino sedersi, quale libro prendere in prestito, decidere di immergersi in compagnia o in solitudine nella lettura di un buon libro secondo i principi del “book crossing”.
All’inaugurazione hanno partecipato l’Assessore Sara Funaro, l’Assessore Andrea Vannucci e il responsabile dei progetti di crowdfunding della Fondazione il Cuore si Scioglie Daniele Lanini. Per maggiori informazioni: crowdfunding Eppela https://www.eppela.com/libridipinti.