Torino punta su nuove zone di mobilità dolce

Saranno utilizzati per realizzare lungo entrambi i controviali di corso San Maurizio una corsia ciclabile e la relativa segnaletica dedicata i 115mila euro dei ribassi di gara per i lavori per la creazione di nuove zone di mobilità dolce nelle aree Vanchiglia, Basso San Donato, Campidoglio, via Di Nanni e piazza Carducci, finanziati con fondi Pon Metro.

Le ulteriori opere approvate dalla Giunta Comunale, su proposta dell’assessora Maria Lapietra, sono complementari agli interventi strutturali studiati per la zona Vanchiglia attraverso la definizione di aree pedonali e a traffico calmierato, quali zone 30 e vie residenziali, con gli ingressi al quartiere identificati da delle vere e proprie ‘porte di accesso’ con l’obiettivo di segnalarne l’ingresso.

Nel progetto, in fase di realizzazione e che si inserisce nell’ambito delle azioni indicate dal Piano di Resilienza Climatica approvato lo scorso novembre, sono state inoltre inseriti interventi di moderazione o eliminazione del traffico quali riduzioni e rialzi di carreggiata, restringimenti, chicane, cambi del senso di marcia e ampliamenti degli spazi pedonali, in particolare davanti le scuole e in alcuni tratti di strada e piazze particolarmente idonei, anche attraverso la collocazione di dissuasori mobili, dove troveranno posto anche nuove piantumazioni.

“I lavori approvati questa mattina che prevedono la sistemazione del manto superficiale delle nuove corsie ciclabili – dove è stato istituito il limite di 20 km/h -, l’abbattimento delle barriere architettoniche di alcuni passaggi pedonali e l’ adeguamento dei marciapiedi completeranno l’intervento sul quartiere Vanchiglia, armonizzandosi con le opere già in fase di realizzazione”, spiega l’assessora alla Mobilità Maria Lapietra.