Il menu da spiaggia per l’estate 2018

Cambia il menu da spiaggia degli italiani. La rivoluzione riguarda oltre uno su quattro (27%). Da casa in spiaggia infatti arrivano pasta, insalata di riso, pollo. Appena il 5% porta le lasagne. Sono i dati che emergono dall’indagine Coldiretti/Ixé che ha stilato le classifiche dei menu da spiaggia degli italiani per il 2018.

In cima ai preferiti per il pranzo sotto l’ombrellone si colloca l’insalata di riso o di pollo o di mare. Seguono la caprese (19%) e la macedonia che sale sul podio con il 18%. La tradizione popolare resiste con l’ipercalorica parmigiana irrinunciabile per il 6% o la frittata di verdure o pasta che resta la prima scelta per il 9% mentre appena il 3% è affezionato alle polpette.

La novità dell’estate 2018 in Italia è – sottolinea la Coldiretti – il forte aumento della richiesta di benessere a tavola che si allarga dal supermercato ai ristoranti fino ai pranzi al sacco. L’Italia è cambiata in fatto di abitudini alimentari. Ma non solo. Oggi alle 11 gli italiani partecipano lezione di acquagym. Preceduta e seguita da yoga, zumba, fit walking, beach volley, beach tennis, corso di cucina vegana, lettura di fiabe, massaggi thailandesi, shiatsu.

Gli italiani vanno quindi al mare senza più lasagne. Oggi pensano di più alla salute. Da casa si porta l’insalata di riso e la macedonia. I più classici consumano una frittata e due polpette. L’albicocca va bene fresca a merenda. Anche i gestori degli stabilimenti hanno cambiato i loro menu adeguandoli ai tempi moderni. Ci sono menù peer vegani, per vegetariani, menù a base di cibo biologico e quelli che si ispirano allo slow food. Bandite le parmigiane e le lasagne, in riva al mare si mangia in modo salutare. Si fa sport e si presta attenzione all’esposizione al sole. Gli italiani sono cambiati, nessuno escluso, sia uomini sia donne, sia al Nord sia al Sud sia al centro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.