Yogurt senza dolcificanti e preparati con latte biologico

Yogurt toccasana per tutti. Questo alimento, infatti, rafforza il sistema immunitario, riequilibra la flora intestinale e facilita la digestione. Dello yogurt ci siamo occupati già in precedenza. Esso è uno degli alimenti più consumati dagli italiani.

Oggi vogliamo concentrarci però su uno studio realizzato dall’Università di Oxford. Secondo gli studiosi inglesi lo yogurt riduce il rischio di infarto del miocardio e ictus.

Yogurt: la ricerca

Studi precedenti hanno rilevato dei benefici riconducibili al consumo di latticini fermentati. Così gli esperti hanno deciso di approfondire. Sono stati presi come campione 55.898 donne tra i 30 e i 55 anni. Insieme a loro anche 18.232 uomini tra i 40 e i 75 anni. I soggetti soffrivano di ipertensione arteriosa, l’elevata pressione del sangue nelle arterie. La patologia conduce ad ictus, infarti e altri problemi di carattere cardiovascolare.

Ai soggetti è stato somministrato un questionario inerente il loro stile di vita. Sono state chieste anche le abitudini alimentari. C’erano quesiti specifici sul consumo di yogurt. Sono state anche dedicate delle sezioni del test agli interventi chirurgici e ai problemi cardiovascolari riscontrati di recente. Le risposte di ciascun individuo sono state associate alle singole cartelle cliniche.

I risultati

L’American Journal of Hypertension ha pubblicato i risultato della ricerca. Da essa si è evidenziato come l’assunzione regolare di yogurt era associata inversamente alla comparsa di patologie cardiovascolari nei soggetti ipertesi. In coloro che consumavano due o più yogurt alla settimana, il rischio di contrarre malattie coronariche è sceso del 17% nelle donne e del 21% negli uomini.

Yogurt: quale consumare

Sono emerse delle indicazioni molto interessanti. Sarebbero da preferire gli yogurt senza dolcificanti e preparati con latte biologico. L’alimento in questa modalità, infatti, può apportare benefici cardiovascolari se assunto da solo. Ma anche se abbinato ad un’alimentazione ricca di verdura, frutta e fibre. Alla base di questi benefici ci sarebbe il processo di fermentazione, che parte con l’inoculazione dei fermenti lattici vivi nel latte. I cosiddetti batteri buoni che ne derivano, pertanto, funzionerebbero da protezione per il cuore. Ulteriori studi dovranno confermare i dati emersi nella ricerca dell’Università di Oxford e l’ipotesi che i benefici cardiovascolari dello yogurt siano realmente legati a questi batteri.